martedì 31 dicembre 2013

In My Mailbox #10 + Buon Capodanno!

Questa mattina mi sono alzata presto e, con tanta buona volontà, sono andata in posta a ricaricare la PostePay della mia cara nonnina. Ho preso un sacco di cose (anche non libri, che elencherò dopo la lista di libri) e sono felicissima dei miei acquisti!

TITOLO: Cercando Alaska
AUTORE: John Green
GENERE: Paranormal Romance - Romantico 
PAGINE: 312
EDITORE: Rizzoli
TRAMA: Miles Halter, sedici anni, colto e introverso, comincia a frequentare un'esclusiva prep school dell'Alabama. Qui lega subito con Chip, povero e brillantissimo, ammesso alla scuola grazie a una borsa di studio, e con Alaska Young, divertente, sexy, attraente, avventurosa studentessa di cui tutti sono innamorati. Insieme bevono, fumano, stanno svegli la notte e inventano scherzi brillanti e complicati. Ma Miles non ci mette molto a capire che Alaska è infelice, e quando lei muore schiantandosi in auto vuole sapere perché. È stato davvero un incidente? O Alaska ha cercato la morte?
Era da tantissimo che cercavo questo libro nelle librerie: non l'ho mai trovato. Ma ora, con il mio ebook (mi sento potentissima) sono riuscita a comprarlo *risata malefica*.
Ho già iniziato a leggerlo, e mi sta piacendo abbastanza. Conoscevo John Green poichè su Tumblr circolano immagini su "Tutta colpa delle stelle", ebook che non ho comprare per pochissimi centesimi, mannaggia.
Comunque sia, John Green è un famosissimo scrittore, dalla celebrissima fama. Cercate su Goodreads, su qualsiasi altro sito di recensioni e libri, uno dei migliori autori, secondo i ragazzi e le ragazze di
tutto il mondo.



TITOLO: Tutta colpa di New York
AUTRICE: Cassandra Rocca
GENERE: Romanzo Rosa
PAGINE: 276
EDITORE: Newton Compton
TRAMA: Fare un regalo non è sempre facile. Lo sa bene la giovane Clover O’Brian, che in qualità di personal shopper aiuta i suoi clienti nell’ardua impresa di scovare doni speciali. Natale è alle porte, New York è in fermento e Clover, da sempre innamorata dell’atmosfera natalizia, si gode il periodo dell’anno che preferisce. Cade Harrison è un uomo molto fortunato. È un attore di Hollywood bello, ricco, famoso e amato. Anche il successo, però, ha i suoi lati negativi: appena uscito da una relazione disastrosa con una collega, Cade sente il bisogno di rifugiarsi in un luogo poco frequentato dalle star, lontano da occhi indiscreti e soprattutto dai paparazzi! E allora accetta volentieri di trascorrere le feste a New York, nella casa che gli presta un amico. Ma il caso vuole che la villetta in questione si trovi proprio di fronte a quella dove vive Clover che, fino a quel momento, gli attori hollywoodiani li ha visti solo sul grande schermo. E così due vite, apparentemente inconciliabili, inciamperanno l’una nell’altra nel periodo più romantico dell’anno. Basterà la magia del Natale a far scoccare la scintilla?

TITOLO: Albion
AUTRICE: Bianca Marconero
PAGINE: 400
GENERE: Fantastico
EDITORE: Limited Edition Books
TRAMA: Cresciuto  senza  madre, e dopo aver perduto il fratello maggiore, morto in circostanze misteriose, nel giorno del funerale dell’amatissimo nonno, Marco Cinquedraghi riceve la notizia che gli cambierà la vita: deve lasciare Roma e partire per la Svizzera. È infatti giunto il momento di iscriversi all’Albion College, la scuola in cui, da sempre, si diplomano i membri della sua famiglia. Ma il blasonato collegio riserva  molte sorprese. Tra duelli di spade e lezioni di filologia romanza, mistici poteri che riaffiorano e verità sepolte dal tempo che riemergono, Marco scoprirà il valore dell’amicizia e capirà che l’amore, quello vero, non si ottiene senza sacrificio. Nelle trame ordite dal più grande dei maghi e nell’eco di un amore indimenticabile si ridestano legami immortali, scritti nel sangue. Fino  all’epilogo, tra le mura di un’antica abbazia, dove Marco conoscerà la strada che le stelle hanno in serbo per lui. Il destino di un re il cui nome è leggenda.

TITOLO: Divergent (Divergent #1)
AUTRICE: Veronica Roth
PAGINE: 480
EDITORE:
GENERE:
TRAMA: Dopo la firma della Grande Pace, Chicago è suddivisa in cinque fazioni consacrate ognuna a un valore: la sapienza per gli Eruditi, il coraggio per gli Intrepidi, l’amicizia per i Pacifici, l’altruismo per gli Abneganti e l’onestà per i Candidi. Beatrice deve scegliere a quale unirsi, con il rischio di rinunciare alla propria famiglia. Prendere una decisione non è facile e il test che dovrebbe indirizzarla verso l’unica strada a lei adatta, escludendo tutte le altre, si rivela inconcludente: in lei non c’è un unico tratto dominante ma addirittura tre! Beatrice è una Divergente, e il suo segreto – se reso pubblico – le costerebbe la vita. Non sopportando più le rigide regole degli Abneganti, la ragazza sceglie gli Intrepidi: l’addestramento però si rivela duro e violento, e i posti disponibili per entrare davvero a far parte della nuova fazione bastano solo per la metà dei candidati. Come se non bastasse, Quattro, il suo tenebroso e protettivo istruttore, inizia ad avere dei sospetti sulla sua Divergenza…

A presto e soprattutto BUON 2014!
Domani farò un post con una piccola Challenge per me e per tutti gli interessati e scriverò i miei buoni propositi.
A presto e buon Capodanno,
Sara.

Nuova (si spera permanente) grafica! #1

*rullo di tamburi*
Ta-daaa! Nuova grafica! Carina, vero? Io la adoro!
Prima di tutto, i copyright.
Lo sfondo è stato creato da Emma Bridgewater, mentre l'intestazione del blog l'ha disegnata questa fantastica ragazza.
Mi piace molto per i colori caldi, che mettono allegria. E poi amo i pois! Ne sono ossessionata ultimamente: maglie, sciarpe, foulard... Tra un po' diventerò un pallino vivente.
Cambiando la grafica, cambia anche il metodo recensioni, ci saranno cinque pois (non l'avrei mai detto!).

Detto questo, finisco il post e aggiorno la rubrica "In My Mailbox" :)
A dopo,
Sara.

domenica 29 dicembre 2013

Le mie manie da lettrice!


Buongiorno a tutti! Oggi sono qui per voi con una specie di Rubrica, creata da Alessia, blogger presso "Il Profumo dei Libri"; in questo post, vi dovrò elencare almeno cinque mie "ossessioni" per quanto riguarda i libri.
Iniziamo!


>>> Devo sempre avere un libro con me. Anche se ho una borsa microscopica perché è un'occasione particolare, devo avere un libro con me. Un libro di qualsiasi genere, letto o non letto, ma devo averne sempre uno con me. Non so bene il perché, ma forse è il fatto che i libri mi salvano sempre dalla noia, in qualsiasi momento: a scuola durante le interrogazioni, in macchina, sui mezzi pubblici, a casa...;


>>> Sono ossessionata dai segnalibri. Ne ho un mucchio, che ho fatto io o che ho comprato, ne ho davvero tanti. Quando proprio non ho il segnalibro, allora metto una piccola orecchietta alla pagina, ma non in alto, in basso. Dev'essere sempre in basso a destra, anche se sono arrivata alla pagina a sinistra. Non so perché, ma è carino;

>>> Non sopporto le persone che pasticciano i libri con penne, matite ed evidenziatori. E' una cosa che proprio mi manda fuori di testa. Se devo segnare o annotarmi qualcosa, tiro fuori dalla borsa la mia agendina (anche quella dev'essere sempre con me) e mi annoto ciò che ha catturato la mia attenzione. Se è una frase, la segno e poi scrivo a che pagina, in che riga. Se è un discorso, segno semplicemente il numero delle pagine (esempio: Pagina 24 da riga 6 a pag. 25 a riga 10);

>>> Odio le sovraccopertine dei libri. Mi danno un terribile fastidio quando leggo, soprattutto quando scappano continuamente dal loro posto. Infatti, quando leggo in libro non tascabile e con sovraccoperta, la tolgo fino a quando non finisco il libro, e poi quando metto il Testo nella mia piccola libreria, ce la rimetto.


>>> Amo i libricini piccoli, vecchiotti ed ingialliti. Non che avere tra le mani un libro con le pagine bianche come la neve ed una copertina perfetta mi dispiaccia, ma i libri di quel genere non fanno molto per me. Invece quando hanno le pagine raggrinzite con quel profumo particolare che caratterizza tutti i libri un po' più vecchi, mi sento più a mio agio, mi piace avvicinare il libro agli occhi e mentre respiro sentire il loro odore.


>>> Un po' di tempo fa, prendevo un post-it (che doveva essere del colore della copertina di quel libro, e se non ne esistevano lo coloravo io) e scrivevo quando avevo iniziato e quando avevo finito il libro, e poi aggiungevo un tot di disegnini che riprendevano un elemento preso dalla copertina oppure un oggetto significativo per il libro, per esprimere quanto il libro mi era piaciuto. Non so se avete capito, infatti vi faccio un esempio: quando lessi Shadowhunters per la prima volta, scrissi (c'è ancora il post-it!): Iniziato il:12.10.2011. Finito il: 14.10.2011 e poi disegnai dieci piccole rune angeliche (dieci su dieci per me è il massimo!). E' una cosa che ogni tanto rifaccio, quando mi ricordo.

Ecco qui le mie sei principali manie!
Ed invece quali sono le vostre? Fatemelo sapere in un commentino qui sotto!
Spero che il post un po' diverso dal solito vi sia piaciuto,
a presto,
Sara.

sabato 28 dicembre 2013

***ATTENZIONE***

Il blog ha cambiato link! Da oggi in poi lo troverete sotto:


"Corner of smile" era il titolo iniziale del mio blog, che parlava davvero di tutto. Ora che il blog ha iniziato a girare un po' sulla rete e a farsi conoscere, quel titolo non c'entrava un bel niente.
Per un momento ho pensato anche di cambiare nome al blog, cambiando tutto, grafica e company.
Che ne pensate? Sarebbe una mossa sconsigliata, dato che magari le persone conoscono il blog come Book's Corner?
Vorrei davvero trovare un titolo, una grafica, dei colori che mi piacessero davvero, ma non ne trovo! Forse perché sono io che sono terrorizzata dai cambiamenti.


Che ne pensate?
Sara.

www.Wednesdays #3

Mi sono presa una piccola pausa di due giorni per ri-organizzare un po' le cose e mettere a posto i doni che ho trovato sotto l'Albero! Voi cosa avete trovato? Io un mucchio di cose belle!

Ricordo che www.wednesday è una rubrica che prendo in prestito dal blog Should Be Reading, dove devo rispondere a tre domande:
1) What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)
2) What did you recently finish reading? (Qual'è il libro che hai appena finito?)
3) What do you think you’ll read next? (Cosa leggerai?)
Direi di iniziare subito!



TITOLO: Cinquanta Sfumature di Rosso
AUTRICE: E. L. James
EDITORE: Mondadori
PAGINE: 624
GENERE: Romanzo Erotico
TRAMA: Questo è il terzo e conclusivo volume della trilogia Cinquanta sfumature, il cui successo senza precedenti è iniziato grazie al passaparola delle donne che ne hanno fatto un vero e proprio cult ponendolo al primo posto in tutte le classifiche del mondo. Quella che per Anastasia Steele e Christian Grey era iniziata solo come una passione erotica travolgente è destinata in breve tempo a cambiare le loro vite. Ana ha sempre saputo che amarlo non sarebbe stato facile e stare insieme li sottopone a sfide che nessuno dei due aveva previsto. Lei deve imparare a condividere lo stile di vita di Grey senza sacrificare la sua integrità e indipendenza, lui deve superare la sua ossessione per il controllo lasciandosi alle spalle i tormenti che continuano a perseguitarlo. Le cose tra di loro evolvono rapidamente: Ana diventa sempre più sicura di sé e Christian inizia lentamente ad affidarsi a lei, fino a non poterne più fare a meno. In un crescendo di erotismo, passione e sentimento, tutto sembra davvero andare per il meglio. Ma i conti con il passato non sono ancora chiusi...

Ho appena finito di leggere questo "libro". Non inizio a commentarlo poichè potrebbe finire male. Dico solo che dovrebbe essere un libro "fantasy-erotico", poiché anche soltanto la quantità di fatti IMPOSSIBILI lascia a desiderare. E poi tutto il resto è molto molto mooolto scocciante. Lettura NON consigliata.

Cosa sto leggendo?

TITOLO: The perks of being a wallflower (in Italia: Noi Siamo Infinito)
AUTORE: Stephen Chbosky
GENERE: YA, Romanzo Contemporaneo. 
PAGINE: 272
EDITORE: Sperling & Kupfer
TRAMA: Fra un tema su Kerouac e uno sul Giovane Holden, tra una citazione da L'attimo fuggente e una canzone degli Smiths, scorrono i giorni di un adolescente per niente ordinario. L'ingresso nelle scuole superiori lo lancia in un vortice di prime volte: la prima festa, la prima rissa, il primo amore - per la bellissima ragazza con gli occhi verdi che quando lo guarda fa tremare il mondo. Il primo bacio, e lei gli dice: per te sono troppo grande, però possiamo essere amici. Per compensare, Charlie trova una che non gli piace e parla troppo: a sedici anni fa il primo sesso, e non sa neanche perché. Allora lui, più portato alla riflessione che all'azione, affida emozioni, trasgressioni e turbamenti a una lunga serie di lettere indirizzate a un amico, al quale racconta ciò che vive, che sente, che ha intorno.
Dotato di un'innata gentilezza d'animo e di un dono speciale per la poesia, il ragazzo è il confidente perfetto di tutti, quello che non dimentica mai un compleanno, quello che non tradisce mai e poi mai un segreto. Peccato che quello più grande, fosco e lontano, sia nascosto proprio dentro di lui.

Mi sta piacendo un sacco questo libro. Amo il fatto che sia un insieme di lettere, e mi sento Charlie mentre leggo quelle pagine. Fin ora è una lettura consigliatissima! 


Cosa leggerò?

TITOLO: Il club delle cattive ragazze
AUTRICE: Sophie Hart
GENERE: Romanzo erotico
EDITORE: Feltrinelli
PAGINE: 352
TRAMA: Torte di mele, brownies al cioccolato, muffin e tisane profumate... È questo il regno di Estelle, l’intraprendente proprietaria del Café Crumb. Ma gestire una piccola pasticceria non è facile: come allargare il giro di affari, spingendo nuovi clienti a varcare la soglia del delizioso caffè dalle tovaglie bianche e rosse? Rattristata dalla chiusura della libreria accanto al suo locale, Estelle, fervida lettrice, ha un’idea: perché non provare a risollevare le sorti del Café con un book club, affiancando ai dolci qualche buona lettura? La partenza non è delle migliori. Gli iscritti al club, oltre a Estelle, sono solo quattro: Gracie, giovane bibliotecaria femminista e fissata con la moda vintage; Rebecca, un’insegnante trentenne sposata da poco più di un anno; la neopensionata Sue, ansiosa di fuggire da casa e da un marito in pantofole, e il timidissimo Reggie, presente solo per fare ricerche per la propria tesi. Un piccolo gruppo fin troppo eterogeneo, con gusti che non potrebbero essere più diversi tra loro. Il primo libro preso in esame non scatena alcun dibattito. Estelle decide allora di giocare il tutto per tutto aggiungendo un pizzico di pepe agli incontri. La lettura successiva verterà sul bestseller del momento: una piccante storia d’amore e sesso, condita da sculacciate e frustini. Il successo è sfrenato, tanto che il book club decide di focalizzarsi solo sulla letteratura erotica. Libro dopo libro, spaziando dai classici ai casi editoriali più recenti e peccaminosi, Gracie, Rebecca, Sue, Reggie ed Estelle lasceranno da parte inibizioni e paure, dando un salutare scossone alle loro vite. Perché, come direbbe Mae West, che senso ha resistere a una tentazione, se tanto poi ce n’è subito un’altra?

Ecco qui, ho fatto! E voi cosa avete appena finito di leggere? Cosa probabilmente leggerete e cosa state leggendo?
Fatemelo sapere commentando qui sotto!

Spero che questo piccolo post vi sia piaciuto, e scusate se per mesi non ho più considerato questa rubrica,
a presto,
Sara.

martedì 24 dicembre 2013

On my Wishlist #5 + ... Ebook!

Buongiorno a tutti! Dopo quello che sembra un secolo aggiorno la Wishlist! Che in realtà è in continuo aggiornamento, poiché ogni volta che entro in libreria trovo decine di libri interessanti, ma vabbè ahah
Ragazzi vi rendete conto che oggi è la Vigilia di Natale? E' bellissimo!
Oggi io, mia madre e la mia sorellina Aurora faremo i biscotti e li appenderemo all'albero!

Poi mia madre ha comprato un vestito troppo carino, tipo da Babbo Natale, per il gatto!
Glielo metteremo e scarteremo i regali! Purtroppo io sono cresciuta, eh già, e quindi sotto all'albero non ci sono regali per me. Ci sono soltanto delle bustine, che sicuramente prima del poi verranno svuotate! Mentre mia sorella ha decine di pacchetti e pacchettini sotto all'albero! No in realtà un pacchettino ce l'avrei anche sotto all'albero, il regalo di Natale che mi ha fatto una mia compagna di classe, Melissa! ... L'ho già aperto perché non stavo più nella pelle! Della serie AllegriaNataliziaPortamiVia ahahah Conteneva un paio di orecchini a cerchio bellissimi! Me li metterò sicuramente dopodomani quando andrò al cinema. Ma non vi dico niente sui film che andrò a vedere perché è top secret! Detto questo, iniziamo con la Wishlist!


TITOLO: La piccola mercante di sogni
AUTORE: Maxence Fermine
PAGINE: 190
EDITORE: Bompiani
GENERE: Fantasia
TRAMA: Malo ha undici anni e due genitori ricchi e distratti, con cui vive a Parigi, noiosamente, in mezzo al benessere. Il giorno del suo compleanno la madre gli organizza una festa lussuosa e lo ficca in taxi per farcelo andare da solo ma il taxi, sul Pont Neuf, viene urtato da un bus e finisce nella Senna. Il tassista riemerge, mentre Malo viene dato per disperso. In realtà, Malo ha trovato una botola in fondo al fiume, l'ha aperta ed è entrato in un mondo parallelo, dove incontra alberi che starnutiscono, gatti che parlano, ombre che rassicurano e una venditrice di sogni (belli) in bottiglia. Sono proprio i sogni però a mettere alle strette Malo: per comprarne qualcuno, il ragazzino si ritrova vittima del ricatto di un alchimista cattivo, che lo minaccia di farlo restare per sempre nel mondo delle ombre, al suo servizio. Per fortuna, Malo saprà come cavarsela - risvegliandosi in un mondo reale in cui il sottosuolo è solo un ricordo.

TITOLO: Reckless (Lo specchio dei Mondi #1)
AUTRICE: Cornelia Funke
PAGINE: 280
GENERE: Fantasy
EDITORE: Mondadori
TRAMA: C’erano una volta due fratelli… Jacob ama la notte. Ne avverte l’oscurità sulla pelle come un mantello intessuto di libertà e pericolo. E di notte lo Specchio, occhio scintillante tra le librerie, lo attira, denso di promesse, dallo studio del padre scomparso. “Torna!” scrive il ragazzo nella polvere dello scrittoio, mentre Will, il fratello minore, dorme con la luce accesa. Però sarà Jacob a varcare la cornice di vetro e a non tornare. Il Mondo Oltre lo Specchio è un luogo terrificante, ma a volte gli fa meno paura di quello reale. Sembra abitato da unicorni, geni dell’acqua o innocui nani, e invece è la Terra dei Goyl, creature di corniola e ametista, guerrieri di un regno spietato. Sembra popolato di magici oggetti, ed è la magia di un amore disumano. Sembra che vi pulsi il cuore di una Fata da amare, tradire, e amare ancora, e sono le rosse falene, intrise di veleno, della sua Oscura Sorella. L’infanzia, tuttavia, dura un minuto e pesa come polvere di elfo. Will, ormai adulto, attraversa lo Specchio per inseguire suo fratello. I Goyl, però, inseguono lui. Vogliono che diventi uno di loro, vogliono trasformare i suoi ricordi in giada. Quanto tempo ha Jacob per salvarlo?

Benissimo, e anche questa Wishlist è terminata! Non ci sono molti libri, ma perché non ho voluto esagerare, per questo! Se no la lista sarebbe infinita!
Ancora una piccola novità... Oggi vado a prendermi l'Ebook! Se qualcuno qualche mese fa mi avesse chiesto "Pro o contro gli Ebook?" avrei sicuramente risposto "Contro!". Però ragazzi, non è un bel periodo per tutti, e i soldi costano. E poi non ho nemmeno spazio per i libri! Ho soltanto una piccola mensola dove ho messo i libri più belli, poi li ho amassati tutti in un piccolo armadietto sempre integrante della scrivania, poi sotto dove ci andrebbe la stampante/case del computer, e poi tutti impilati intorno al pc sul piano della scrivania! Non ci penso nemmeno a mettere i libri per terra, nossignore! Mi prenderò il Kindle Paperwhite. Qualcuno di voi ce l'ha? Non penso che avrò problemi per quanto riguarda il comprare libri eccetera, ma non si sa mai!

A domani con un nuovo post!
Sara.

lunedì 23 dicembre 2013

Recensione: STARDUST di Neil Gaiman + Commento sulla transizione cinematografica

Buonasera a tutti, lettori e lettrici. Dopo un pomeriggio pieno di impegni (ovvero passato a giocare a Demon's Souls e a guardare un amico giocare a Fallout 3) eccomi qui con un'altra recensione. Ebbene sì!
Ultimamente ho fatto un mucchio di acquisti per quanto riguarda i libri, e dato che Natale si avvicina, sono sicura che arriveranno tanti altri libri! Ho già la lista pronta!
Dopo la scorsa recensione, cambio genere, e mi ri-immergo nel meraviglioso mondo dei libri Fantasy. E tra le mani mi è capitato un libro a dir poco speciale...

TITOLO: Stardust
AUTORE: Neil Gaiman
EDITORE: Mondadori
PAGINE: 245
GENERE: Fantastico
TRAMA: In una fredda sera di ottobre una stella cadente attraversa il cielo e il giovane Tristan, per conquistare la bellissima Victoria, promette di andarla a prendere. Dovrà così oltrepassare il varco proibito nel muro di pietra a est del villaggio e avventurarsi nel bosco dove ogni nove anni si raccoglie un incredibile mercato di oggetti magici. È solo in quell'occasione che agli umani è concesso inoltrarsi nel mondo di Faerie. Tristan non sa di essere stato concepito proprio lì da una bellissima fata dagli occhi viola e da un giovane umano e non sa neppure che i malvagi figli del Signore degli Alti Dirupi sono anche loro a caccia della stella...


Adoro quando un libro fa nascere in me delle domande. Ma amo questo fatto solo quando poi arrivano le risposte. Ed è questo, ciò che succede in Stardust.
Il sipario si apre sulla piccola cittadina di Wall, nell'Inghilterra Ottocentesca. E già qui iniziano a trasparire piccoli spiragli di steampunk. All'inizio la storia sembrava ambientata ai tempi nostri, ma dopo poco ho capito che non era così.
Ad ogni pagina spuntano fuori nuovi personaggi, uno più bizzarro dell'altro!



Ci sono mostriciattoli e creaturine che mai mi sarei immaginata!
Un po' come quando ti chiedono: "Prova ad immaginare un nuovo colore!" oppure "Pensa ad un odore che non hai mai sentito!"; ecco, ad una domanda del genere, come per esempio "Prova ad immaginarti una creatura nuova, a cui nessun'altro abbia mai pensato" non avrei saputo rispondere! Invece Neil Gaiman ci propone tante creature nuove, che in fin dei conti sembrano banali, ma che in realtà non lo sono proprio.Già dal primo capitolo in me iniziavano a nascere domande su interrogativi, e man mano che andavo avanti arrivavano le risposte.
Neil Gaiman è un genio, ha saputo creare un mondo bizzarro, bizzarrissimo, e se penso ad uno dei tantissimi libri fantasy che ho letto, nessuno si avvicina a questo per quanto riguarda genialità e capacità creativa.
Alcune frasi prese singolarmente non sono poi così ricche di descrizioni. Ma, non so come diamine ci riesca, con due aggettivi e qualche parola magica l'autore riesce già a farmi immaginare il personaggio proprio come lo vedeva lui mentre lo creava.
La mia coppia di Stardust è quasi distrutta, l'ho letto e riletto e riletto. 
Ho amato questo libro alla follia, mi è piaciuto davvero tanto.
Ci son stati momenti in cui ho pensato: "Aiuto, è finita!" ed invece ecco colpi di scena spuntare come funghi in autunno! 
E' totalmente imprevedibile, da pagina a pagina. 
Questo è uno dei libri più scorrevoli che abbia mai letto. E' seriamente uno dei libri più belli che abbia mai letto. Per me questo libro supera Harry Potter, supera Hunger Games e Shadowhunters. 
Non solo per la trama scorrevole, ma anche per i personaggi, ognuno diverso all'altro, ognuno caratterizzato in un modo fantastico, come solo Neil sa fare. 
Tristan si ritrova in innumerevoli situazioni, ognuna più bizzarra e meravigliosa dell'altra.

Purtroppo non ho il libro con le illustrazioni, ma sono sicura che al più presto cercherò di procurarmene uno, poiché questo libro è entrato nel mio cuore e mai più ne uscirà.
Sembra una favola, una di quelle rare, di quelle che si leggono raramente nella vita. E' una favola moderna, e non riesco ancora a concepire come uno scrittore moderno sia riuscito a creare qualcosa di così magnifico.
E' semplicemente un libro meraviglioso, e ho in mente di regalarne una copia alla mia sorellina, sono sicura che lo adorerà. Perché questo, signori miei, è un libro adatto a grandi e piccoli, è un bijoux. 


Prima di concludere questo post, volevo parlarvi un attimino della transizione cinematografica di questo libro.

REGIA: Matthew Vaughn
ANNO DI PRODUZIONE: 2007
GENERE: Fantasy
TRATTO DA: Stardust - Neil Gaiman

DURATA: 128 minuti.
PRINCIPALI INTERPRETI: Claire Danes, Michelle Pfeiffer, Charlie Cox, Robert De Niro, Henry Cavill

Se dovessi far vedere ad una persona questo film, direbbe che è fantastico, senza ombra di dubbio. Ma se lo dicessi ad una persona che ha letto il libro prima di vedere il film, ne rimarrebbe orripilata. Certo, dalla locandina quasi tutto sembra filare liscio, ma poi già solo dopo pochi minuti di film, lo spettatore se ne andrebbe a gambe levate.
Mancano passaggi fondamentali. Ci sono personaggi che nel libro non ci sono. C'è solo una cosa che è buona in questo film, ovvero il fatto che Primus e Septimus vedono i fratelli morti, e che man mano li raggiungono. Ho apprezzato abbastanza anche il fatto della locanda trasformata dalla piccola carrozza così dalla strega. Ma proprio, per il resto, non mi è piaciuto.


Spero proprio che questo post vi sia piaciuto! E voi, avete letto Stardust? Cosa ne pensate?
Fatemelo sapere con un commentino qui sotto!
A presto,
Sara.

domenica 22 dicembre 2013

Recensione: CINQUANTA SFUMATURE DI NERO, di E. L. James.


TITOLO: Cinquanta Sfumature di Nero
AUTRICE. E. L. James
PAGINE: 668
EDITORE: Mondadori

GENERE: Romanzo Erotico
TRAMA: Profondamente turbata dagli oscuri segreti del giovane e inquieto imprenditore Christian Grey, Anastasia Steele ha messo fine alla loro relazione e ha deciso di iniziare un nuovo lavoro in una casa editrice. Ma l'irresistibile attrazione per Grey domina ancora ogni suo pensiero e quando lui le propone di rivedersi, lei non riesce a dire di no. Pur di non perderla, Christian è disposto a ridefinire i termini del loro accordo e a svelarle qualcosa in più di sé, rendendo così il loro rapporto ancora più profondo e coinvolgente.


Ho letto, circa un mesetto fa, Cinquanta Sfumature di Grigio, ma dato che non mi sembrava una lettura adatta ad una ragazza della mia età ho pensato "Dai, non importa, lasciamo passare".
Ed invece, la curiosità mi ha spinto ad acquistare questo libro, l'altro giorno. Dopo una gaffe in libreria, pochi minuti dopo sul bus di ritorno da scuola ero già a capitolo tre.
Che devo dire, è un libro che ti va venir voglia di andare avanti, sempre di più, fino a quando non ti ritrovi con il leggere le ultime righe.
Non ho capito perché l'abbia finito così presto benché fosse un libro scritto in modo abbastanza scadente.
Le scene "porno" erano descritte in maniera perfetta, non le sfuggiva una sensazione.
Mentre il resto della storia l'ho trovato fin troppo "fantastico", surreale.
Ho capito che il rinomato Christian Grey, essendo un "pezzo grosso" degli affari, può trovarsi davanti a certi problemi, ma fino a questi punti no.
E tutto per questa ragazza. "Ana" Steel.
Io non sopporto le storie che trattano del solito "cattivo ragazzo", che sia un bulletto oppure un sadico spaventoso, che incontra questa "ragazza unica" che lo fa cambiare. Proprio non le sopporto. Sono così banali.
E poi se penso, che la trilogia di Fifty Shades Darker ha venduto di più di Harry Potter, rabbrividisco.
In questo libro mancano delle fondamentali descrizioni.
L'autrice mi ha davvero rotto, dopo un po' con "La mia dea interiore...", "Anastasia smettila di morderti il labbro", "Hai mangiato?". Continua-a-ripetere-queste-cose-tutto-il-tempo.
L'autrice divide a metà Anastasia, una parte è quella leggermente razionale, l'altra è quella che definisce "dea interiore", e fa pensare a questa dea interiore certe cose, e in poche parole si dà della puttana da sola. Questa cosa è bruttissima, seriamente, nessuno metterebbe come protagonista di un libro una donna che rende prima innocentina, tutta "Cos'è questo? E questo" e poi le dà della troia. Mai visto!
Per quanto riguarda il "Smettila di morderti il labbro" e "Hai mangiato?" , ho capito che una persone può avere tutte le ossessioni che vuole, ma dopo due libri fatti da queste frasi e da scene erotiche mi sono davvero rotta.
Il libro ha una trama, sì, ma una trama a dir poco orribile. E' tutto esagerato, e questa ragazza si ritrova in mezzo ad un mondo completamente nuovo, a lei estraneo, e sembra subito abituarsene, come se fosse normale.
L'unico personaggio che salva un poco il libro è Mrs Lincoln. Lei era la "Dominatrice" di Christian, e gli ha aperto le porte del mondo della perversione sessuale; se possiamo dire è lei il vero antagonista del libro. Ovviamente Ana non sopporta Elena, e la scena che mi ha fatto proprio morire dal ridere è stata quella dove Grace, la madre adottiva di Christian, la schiaffeggia, le dà della troia, e la spedisce a calci in culo fuori da casa. E' stato a dir poco epico!
Penso che questo libro abbia venduto moltissimo poiché ogni donna, 
in cuor suo, voglia ricevere le stesse attenzioni che riceve Anastasia da Christian. Ed ogni donna inizia a sperare che succeda, perché "Beh è scritto qui, cerco che può succedere", ed invece no. Sono storie, e nulla potrebbe essere vero.
E dopo un grandissimo finale col botto, un finale che non mi sarei ma aspettata, si conclude il libro.
Leggerò Cinquanta Sfumature di Rosso solamente perché ho voglia di ridere ancora un po', sperando che lo stile di scrittura della James migliori anche solo un poco.

Un pois su cinque.
Spero che questa incasinatissima recensioni vi sia piaciuta, in un qualche modo.
Scriverò molto, prossimamente, lo prometto!
A prestissimo,
Sara.

martedì 17 dicembre 2013

Fuck, I'm done.

Dopo mesi e mesi, penso che chiuderò il blog, se le cose vanno avanti così.
Che ci crediate o no, io mi impegno davvero. Ho persino una piccola agendina dove scrivo sempre tutte le cose che vi devo dire. Amo scrivere, amo avere un Blog MIO, dove posso scrivere ciò che voglio.
Ma ora è troppo. Prima era la solita oca che insieme ad altre ragazze mi prendeva in giro, ma ci stava. Ora un'altra. Che io dico: mi prendete tanto in giro e mi dite tante cose dietro, ma poi perché mi copiate? Perchè prendete spunto da me, se faccio così schifo?

Questa cosa mi fa arrabbiare non poco. Meno male che ogni tanto penso "Dai, guardiamo se ha finalmente capito che deve smetterla ed è infantile." Ma no, dicono a ME che sono immatura, poi mi insultano (senza neppure avere le balle di dirmelo GUARDANDOMI IN FACCIA) e prendono spunto da ciò che faccio IO per fare cose ""loro"". E non potete dire niente, perché io ho tutti gli screen.
E non per dire, ma casualmente, per chi non lo sapesse, Worm significa ANGOLO.
Ma guarda un po'. E se arrivano a copiarmi la grafica, io creerò un nuovo blog, però purtroppo non condividendolo da nessuna parte. Perché io, ve lo giuro, adoro, AMO avere un blog, ma se poi succede questo io non ci posso proprio fare nulla.
Quindi, vi prego, se mai vi capitassero sotto mano queste due pagine di segnalarle il prima possibile. Ve ne sarei eternamente grata.


Detto questo, un piccolo aggiornamento: vi scriverò molto nelle vacanze Natalizie, e finalmente potrò di nuovo prendere sotto mano la situazione, scrivendo recensioni su recensioni per farmi perdonare come si deve. Non penso che prenderò altri libri, dato che sto mettendo da parte i big money per farmi il computer nuovo, ma vi assicuro che cercherò di scaricarmi pdf a più non posso e aggiornare la rubrica omonima!
Mi scuso ancora per il piccolo (e terzo) sfogo, ma dato che quando parlo nessuno mi ascolta e sa parlare e ragionare in maniera decente dovevo comunicarlo a queste povere due stupide che si contraddicono da sole.
Brave! Un applauso. Anche due.
Vi do appuntamento tra pochi giorni sempre qui, sul mio blog!
A presto (copiato anche questo, puah),

Sara.

domenica 8 dicembre 2013

In My Mailbox #9 + nuova grafica per il blog + aggiornamenti vari!


TITOLO:  Shadowhunters, il Codice.
AUTORI: Cassandra Clare, Joshua Lewis
EDITORE: Mondadori
PAGINE: 299
GENERE: Fantasy
TRAMA: Il Codice è il preziosissimo manuale che viene tramandato di generazione in generazione ai nuovi Shadowhunters, destinati a combattere i demoni, a proteggere i mondani e a controllare il complicato mondo dei Nascosti. Quali sono gli strumenti necessari a svolgere la loro missione? Quali le armi, gli equipaggiamenti, le tecniche di combattimento, gli Strumenti Mortali? Come riconoscere i Demoni e i Nascosti? In che modo utilizzare le rune? Un appassionante approfondimento sulla saga urban fantasy più famosa al mondo: l'unico e il solo manuale per diventare un perfetto Shadowhunter.
Da bravissima fan della Saga degli Shadowhunters, non poteva mancare questo libro sul mio scaffale. L'unica cosa che non ho molto gradito è stato il fatto che hanno cambiato copertina (come capita praticamente sempre), quella originale è così bella. Per Natale, se riesco, ordino la versione inglese. So che è abbastanza inutile, ma questa saga, questi libri, mi piacciono così tanto che è quasi un obbligo per me avere anche la copia "originale". Comunque sia, beh in fondo la copertina italiana non è male. Non ha la sovracopertina, scomodissima per me, ed è fantastico, anche per il modo in cui è rilegato. Che dire, dentro è piano di disegni a dir poco incantevoli, e poi mi fa molto venire in mente lo pseudolibrum di Animali Fantastici, Dove trovarli (scritto da J. K. Rowling), con i "commenti" di Simon, Jace e Clary. Ciò che scrive Simon è fantastico, mi fa morire dal ridere. Solo un'altra piccola pecca (sono particolarmente puntigliosa ultimamente), sanno molto di finto i commenti, pur essendo nell'ambito in cui sono messi. Mi spiego: poteva (nella versione inglese) scriverli la Clare a mano, e poi sarebbero stati ricopiati in italiano a mano, non a computer. Cosa un po' difficile e lunga, ma pur sempre fattibile.
Ho già letto questo libro, in un pomer
iggio. Molte cose, praticamente tutte, le sapevo già, poiché ho letto tutti i libri più e più volte. I commenti, ripeto, sono stati proprio una chicca. I disegni (quelli presumo siano stati fatti da Cassandra Jean) sono davvero bellissimi. Ben strutturato, si legge velocemente, e dà la possibilità di saltare alcuni paragrafi senza che ci si perda qualcosa. Fantastico!



TITOLO: Le nozze di Cadmo e Armonia
AUTORE: Roberto Calasso
GENERE: Mitologico
PAGINE: 558

EDITORE: Adelphi
TRAMA: Come Zeus, sotto forma di toro bianco, rapì la principessa Europa; come Teseo abbandonò Arianna; come Dioniso violò Aura; come Apollo fu servo di Admeto, per amore; come il simulacro di Elena si ritrovò, insieme a quello di Achille, nell'isola di Leukè; come Erigone si impiccò; come Coronis, incinta di Apollo, lo tradì con un mortale; come le Danaidi tagliarono la testa ai loro sposi; come Achille uccise Pentesilea e si congiunse con lei; come Oreste lottò con la follia; come Demetra vagò alla ricerca della figlia Core; come Core guardò Ade e si vide riflessa negli occhi di lui; come Giasone morì, colpito da una trave della nave Argo; come Fedra smaniò invano per Ippolito; come gli Olimpi scesero a Tebe per partecipare alle nozze di Cadmo e Armonia...

Mi è stata assegnata la lettura di questo libro da parte della mia Professoressa di Italiano. Non sono stata obbligata a leggerlo, ma a me piacciono tantissimo questi libri epici. Mi sono fiondata in libreria e l'ho trovato subito. Ho cercato di leggerlo, lo giuro, mi ci sono proprio messa, ma anche solo saltando una parola bum! saltava tutto il senso della frase. Perché da un nome parte subito la storia di quella persona, e poi da quel punto inizia la storia di un'altra persona, e così via. 
Il libro è una specie di intreccio di tanti miti, l'uno più bello dell'altro.
Non posso ancora dire niente, poiché questo libro sembra contenere una sorpresa per pagina.


TITOLO: L'universo, gli Dèi, gli Uomini.
AUTORE: Jean-Pierre Vernant
GENERE: Epico/Saggistico.
PAGINE: 212
EDITORE: Einaudi
TRAMA: I miti giungono dai Greci fino a noi come un universo di frammenti, personaggi, storie, illuminazioni. Raccontano il tepore e la profondità di Gaia (la Terra), l'urlo tremendo di Urano (il Cielo) che, castrato dal figlio Crono, genera in un unico istante Afrodite e con lei l'amore. Raccontano dei Giganti e degli dèi, di Pandora e dell'invenzione della donna, di Prometeo che ci portò il fuoco e della bellezza di Elena che scatenò una guerra interminabile. I miti raccontano le astuzie immortali di Ulisse e i suoi amori con Circe e Calipso. Raccontano di Edipo che scioglie gli enigmi ma rimane prigioniero per sempre del proprio tragico destino. Ci dicono che Perseo diventò una costellazione perché, con questa splendente metamorfosi, Zeus volle onorare il coraggio di chi osò sfidare e vincere Medusa. Oggi ci rimangono tracce scritte, allusioni e un infinito numero di varianti. Lo sanno bene gli interpreti piú autorevoli del mito, come Jean-Pierre Vernant, uno dei pochi a potersi permettere il rischio di annodare quei frammenti in un racconto ininterrotto, con il semplice gesto di vicinanza che, quello sí, si ripete identico da sempre, fra chi racconta una storia e chi - bambino o adulto - si ferma ad ascoltarla. 

Altro libro da leggere per scuola. Questo però, mi è piaciuto abbastanza. Per Mercoledì ho da fare un minuscolo approfondimento su un argomento trattato a scuola. Ho letto soltanto due delle parti trattate, e devo dire che Vernant è molto chiaro e il testo è molto scorrevole. Lettura piacevole, consigliata.
Dopo questa breve lista, vi aggiorno un attimino su tutto quello che non c'entra con i libri.

Ieri sono andata a vedere Catching Fire al cinema.  Per chi non lo sapesse, Catching Fire è il secondo libro della trilogia di Hunger Games.  Il regista, Francis Lawrane, ha saputo ricreare perfettamente gli scenari del libro. Peeta con lo smalto soltanto nelle tre dita centrali, la sua scarpa slacciata. Le bocce di vetro vote con dentro soltanto i tre foglietti dei vecchi vincitori. E poi lei. Chi non ama Jennifer Lawrance?  Gli attori sono stati, a parer mio, scelti in maniera impeccabile. Da Finnik a Joanna, da Mags *lacrimuccia* a Enobaria. Sono riusciti a rendere l'arena proprio come me l'ero immaginata io, in modo perfetto. Ho pianto tantissime volte, è davvero un film molto coinvolgente.

Ultimo aggiornamento e scappo. Avete notato qualcosa di diverso?
Ho cambiato la grafica del blog! Certo, ci sono ancora tante tante cose da sistemare, ma non mi lamento. Che ne pensate?
Fatemi sapere magari inviando un piccolo commentino qui sotto!

A presto,
Sara.

domenica 17 novembre 2013

In My Mailbox #8 - tantissimi libri!

Finalmente eccomi tornata! Ultimamente ho fatto davvero tantissimi acquisti, per quanto riguarda i libri.
Alcuni erano libri che desideravo davvero tanto, altri libri appena sfornati da autrici che ammiro tantissimo, quindi, non perdiamoci in chiacchiere ed iniziamo con la lista di libri!


TITOLO: Cime Tempestose
AUTRICE: Emily Brontë 
GENERE: Romanzo
PAGINE: 400
EDITORE: Mondadori
TRAMA: Cime Tempestose è un'opera del tutto isolata nella tradizione narrativa inglese. Nella sua struttura narrativa vi domina la figura di Heathcliff il quale, animato da una passione distruttiva, svolge nella trama la funzione fatale del vendicatore spietato, vero replicante di tante figure del gothic novel britannico. Il suo tirannico porsi come uomo inflessibile nasce da una disperata infelicità di fondo e lo porta infine a vivificare la propria morte con quella della donna amata, Catherine.




TITOLO: La Camera di Sangue
AUTRICE: Jane Nickerson

GENERE: Gotich Fantasy
PAGINE: 372
EDITORE: Mondadori
TRAMA: Sophia Petheram ha diciassette anni quando, dopo la morte del padre, attraversa in carrozza la selva intricata e spettrale che conduce alla tenuta di Wyndriven Abbey, in Mississippi. Qui sta per conoscere finalmente il ricco amico di famiglia che la prenderà in custodia: monsieur Bernard de Cressac. Fin dall'arrivo nella nuova dimora, Sophia si trova a vivere nel lusso più sfrenato, viziata e accontentata nei minimi capricci. La ragazza è affascinata dalla generosità e dal carisma di monsieur Bernard. Lui le impedisce, però, di ricevere visite e, in sua assenza, la affida all'occhio vigile di Odette, una giovane dama di compagnia francese. A spaventare Sophia è il passato del facoltoso tutore, sposato più volte: le sue mogli sono morte in circostanze misteriose e la ragazza ne intravede i fantasmi. Hanno tutte i capelli rossi, con sfumature color bronzo e oro. Proprio come lei. Ma se l'amore è un assassino meraviglioso, Sophia vuole scoprirne il volto. 


TITOLO: Il Signore degli Anelli (La Compagnia dell'Anello, Le Due Torri, Il Ritorno del Re)
AUTORE: J. R. R. Tolkien
PAGINE: 1230
GENERE: Fantasy

EDITORE: Bompiani Vintage
TRAMA: Un mondo sul ciglio dell'abisso, un pugno di eroi capaci di opporsi al male. Una pietra miliare della letteratura di tutti i tempi.
Avventure in luoghi remoti e terribili, episodi di inesauribile allegria, segreti paurosi che si svelano a poco a poco, draghi crudeli e alberi che camminano, città d'argento e di diamante poco lontane da necropoli tenebrose in cui dimorano esseri che spaventano al solo nominarli, urti giganteschi di eserciti luminosi e oscuri. Tutto questo è Il Signore degli Anelli, leggenda e fiaba, tragedia e poema cavalleresco, romanzo d’eccezione al di fuori del tempo, semplice e sublime.

TITOLO: Teardrop
AUTRICE: Lauren Kate
PAGINE: 460
GENERE: Urban Fantasy, Fantasy, Young Adult.
EDITORE: Rizzoli
TRAMA: I
l mondo di Eureka affonda all’improvviso quando un’onda anomala le porta via sua madre Diana. Il loro rapporto era speciale e ora che Diana non c’è più, Eureka vorrebbe solo scomparire per dimenticare. Fare breccia nel guscio in cui si chiude è sempre più difficile per chi le sta intorno. Proprio quando il dolore sembra diventare insopportabile, Eureka si accorge di non essere sola. Ander compare all’improvviso nella sua vita, ma è come se si conoscessero da sempre. Eureka sente che Ander profuma di oceano, un oceano nel quale vorrebbe perdersi, e i suoi occhi sono così azzurri e profondi da darle le vertigini. Ma non è facile fidarsi di lui: dopo il suo arrivo strane coincidenze portano a galla vecchie storie fantastiche e terribili, antiche leggende di mondi sommersi. Quando queste fiabe irrompono nella realtà mettendo in pericolo lei e i suoi cari, Eureka capisce di essere parte di un disegno più grande in cui le sue lacrime hanno un potere immenso ma ancora sconosciuto.

Penso che chi mi segue da un pochino sappia che Lauren Kate è l'autrice di una delle mie dieci saghe preferite, Fallen. Come non potevo farmi scappare il suo nuovo libro? Devo ammettere che non ne avevo sentito parlare (come mai?) e quando l'altro giorno mi raggiravo per la libreria, tra quel buonissimo profumo di carta stampata, mi giro e vedo una ENORME pila di questi libri. Mi è letteralmente caduto dalle mani Cime Tempestose, e ho preso Teardrop come se fosse stata la Sindone, ammirando questa BELLISSIMA copertina. La copertina di Teardrop sale sul podio, per quanto riguarda le migliori copertine di libri che abbia mai visto. Questo è poco, ma sicuro.
Quindi sì, non vedo l'ora di leggere questo libro. Finalmente la zia Kate ha sfornato un'altro delizioso capolavoro! Ma questo è ancora da dirsi...


TITOLO: Qualcuno con cui correre
AUTORE: David Grossman
PAGINE: 362
GENERE: Romanzo
EDITORE: Mondadori
TRAMA: Assaf è un sedicenne timido e impacciato cui viene affidato un compito singolare: ritrovare il proprietario di un cane abbandonato seguendolo per le strade di Gerusalemme. Correndo dietro all'animale, Assaf viene condotto di fronte a inquietanti personaggi, attraverso i quali ricompone i tasselli di un drammatico puzzle: la vicenda di Tamar, una ragazza solitaria e ribelle, fuggita da casa per andare a salvare il fratello, giovane tossicodipendente finito nella rete di una banda di malfattori. "Qualcuno con cui correre" è il ritratto di due adolescenti che si cercano, che forse si amano, che soffrono ma combattono con generosità per qualcosa che è dentro di loro.

Finalmente ho finito! E invece cosa c'è nella vostra Cassetta della Posta?
Fatemelo sapere magari con un commentino qui sotto!
A presto,
Sara.


mercoledì 13 novembre 2013

La Rowling esce dal nido del cuculo... ma era meglio che ci restasse!

Tutti conoscono la Rowling per Harry Potter; sono sicura che molte persone cercando il Seggio Vacante hanno chiesto alla commessa della libreria del "Ma sì, il libro di quella che ha scritto Harry Potter", e questo é quello che succede, come ormai è già stato detto e stra-detto, quando il personaggio diventa più famoso dell'autore che lo crea, quando il creatore non riesce più a trattenere la creatura.
Il libro è definito come un "capolavoro", dal Corriere della Sera del 3 Novembre 2013 .
Ma stiamo parlando seriamente dello stesso libro?
Ci si presenta davanti quest'uomo, che, rimasto ferito in guerra, si mette a fare l'investigatore.
Mmmh... Mi ricorda vagamente il Dottor John Watson. Ferito in guerra. Che si mette a fare l'investigatore.
Totalmente scoppiazzato!
Se la Rowling avesse voluto davvero mettere alla prova se stessa, non avrebbe fatto l'enorme sbaglio di rivelare che lei aveva scritto il nome con lo pseudonimo di Robert Galbraith.
Oppure è uno stupido trucchetto per fare soldi? Marketing?
Sarebbe stata una cosa molto logica scrivere il libro sotto ad uno pseudonimo, per misurare la sua bravura. Ma poi uscirsene con "L'ho scritto io il libro!" e far salire a picco le vendite del libro in ventiquattr'ore?
Cerca di cambiare stile, di lasciare alle sue spalle Harry Potter, buttandosi su un... Giallo?
Dopo il super flop de Il Seggio Vacante, perché osare con un giallo? Oltre tutto è risaputo che i gialli sono i romanzi più difficili da scrivere. Ma lei vuole cercare di nascondere Harry Potter con dei nuovi libri, quando sa perfettamente che è impossibile!
Nessuno la ricorderà mai per "L'autrice del Seggio Vacante", ma tutti sapranno solo che "Lei è quella che ha scritto Harry Potter!", niente di più né di meno.
Tutti parlavano così bene del Seggio Vacante, e poi si è rivelato un totale fiasco.
Ma i critici hanno almeno letto il retro del libro? Conoscono la trama? Perché, sinceramente, la prima cosa che mi è saltata alla mente è stata "Ma questo è Watson"!
Spesso penso a com'era bello sfogliare le pagine di Harry Potter, di immergermi perfettamente in quel mondo, di infilarmi in quel libro che calzava a pennello, e poi l'immagine diventa subito sfocata e ricordo a quanto erano monotone e noiose le pagine del suo nono libro*! Un fiasco!
Ma non importa, vi giuro che appena potrò leggere questo libro, lo leggerò e vi farò sapere cosa ne penso.

A presto,

Sara

*NdA: La Rowling ha scritto un libro prima di Harry Potter, poi la saga potteriana, il Seggio Vacante ed infine Il richiamo del Cuculo.

giovedì 24 ottobre 2013

RECENSIONE: New Moon di Stephenie Meyer

TITOLO: New Moon
AUTRICE: Stephenie Meyer
GENERE: Romanzo Fantasy
PAGINE: 446
EDITORE: Lain
TRAMAIl giorno del diciottesimo compleanno di Isabella un piccolo incidente domestico riesce a mettere in crisi la tranquillità della sua vita in compagnia del fidanzato-vampiro Edward e della famiglia di lui: le ripercussioni sono tali da convincere la famiglia ad abbandonare la cittadina dove abitano, e Edward a lasciare Bella. La ragazza vive un lungo periodo di solitudine e tristezza, in cui taglia i ponti con le proprie amicizie e si rinchiude in se stessa, fino alla quasi casuale riapparizione nella sua vita di Jacob Black, il giovane indiano che per primo aveva fatto nascere in lei i dubbi sulla vera identità della famiglia di Edward. Più il rapporto di amicizia tra Jacob e Bella si rafforza, più lei sembra tornare alla normalità che le mancava da tempo. Ma la quiete appena ritrovata è turbata da eventi misteriosi, tra cui una strana serie di omicidi ai margini della foresta e l'apparizione di nuove, strane creature della notte.


Tutto inizia il giorno del compleanno. Niente di strano, tranne la monotonia sconfinata di Bella, che è tutto un "Sto invecchiando" e "Aiuto Edward succhiami tutta".
Dopo essere arrivata a casa di Edward, inizia a scartare i suoi regali di compleanno, quando succede una cosa orribile: Bella si taglia con la carta da regalo. E lì si ritrova davanti quattro vampiri affamati. Questo porta Edward a riflettere, o diamine, e che riflessione.
Edward decide di lasciare Bella, e se ne va via da Forks insieme alla sua famiglia. E qui inizia la parte orribile del libro.
Bella inizia a non mangiare più, a non bere più (qui ero tipo "Ma che diamine?!"), va a scuola, ma è come se non avesse anima. 


Non è proprio un bel periodo per lei. Viene trovata mezza morta nel bosco da Sam, un ragazzone olivastro, che la riporta da Charlie. Poco dopo si ricorda di una persona, come dire, proprio insignificante, per quanto riguarda la saga, ma certo. Jacob.
Jacob è un bambinone-capellone troppo cresciuto che ha notevoli addominali ed è alto due metri. Bella quindi, notando questi piccoli particolari inizia ad interessarsi di Jake. Stringe una graaaande amicizia con Jacob, che la aiuta a non pensare ad Edward. Un giorno, riparate delle moto cross, la furbetta qui decide di fare la pazzerella, diciamo così, perchè ha scoperto che se compie qualche atto "inopportuno e pazzo" sente la voce del suo amato. Ma sono solo allucinazioni. Ad un certo punto Jacob non parla più a Bella, non si vedono più. Sapete perchè? Perché il nostro carissimo amico è diventato un lupacchiotto. O meglio, un fighissimo licantropo.
Dopo esserei praticamente morta dopo due quasi "tentati suicidi", Bella riesce ad incontrare Alice, che ha avuto delle visioni. Alice lo ha detto a Rosalie, che a sua volta lo ha detto ad Edward. E mentre Bella è lì lì per baciare il capellone palestrato, Edward parte e va in Italia, a Volterra, dai Volturi per morire. Bella -scontatissimo- lo raggiunge e lo salva. Edward sarà costretto a mordere Bella perché costretto da Aro, "capo" dei Volturi.Trama forse un po' scontata, penso. Era fin troppo ovvio che Bella avrebbe salvato Edward. La Meyer ci fa capire sin dalle prime discussioni con Jacob che Bella non è interessata poi così tanto in quel senso al nostro lupetto. 

Bella. Quanto la odio. Un personaggio così monotono che persino mia nonna che sta seduta su una sedia tutto il giorno è più attiva di lei. E' così monotona, così ripetitiva. Divento vecchia, divento vecchia, divento vecchia. Aiuto, fatela smettere. So che l'amore è una brutta bestia, so che Bella ama da morire Edward, ma non capisco come possa dimenticare da un momento all'altro Edward dopo l'incontro con Jacob.

Edward. Lui è sempre il solito. Mi sono venute le carie per tutta la dolcezza che Edward mette nelle sue frasi. E' come farsi di amore, leggere la saga di Twilight, specialmente cioè che dice il nostro amato vampiro. Ovviamente, in un libro bastato su una grande storia d'amore particolarmente sofferta di dev'essere quel fuoco ardente infinito, ma a volte è forse esagerato.


Jacob. Lui è quello che soffre di più, per me. Non essere amato dalla persona da cui si è attratti. Jacob è, in questo libro, un personaggio di quelli che si definiscono aiutanti.
Jacob purtroppo è sofferente, e costretto dal suo branco ad interrompere le comunicazioni con Bella, soprattutto perché è la ragazza-vampiro. Sinceramente per me, ripeto, è la figura più sofferente di tutto il libro. Bella ed Edward sicuramente in fondo sapevano che si sarebbero rimessi insieme, mentre Jacob è consapevole del suo destino. 

La trama del libro, per finire, è diciamo, abbastanza carina. Edward non è Dracula, e sono sicura che se andiamo avanti così, tra pochi anni se andiamo da un bambino e gli chiediamo di disegnare un vampiro, non disegna un essere dagli occhi rossi, pallidissimo, con il sangue alle labbra, brutto come la morte e terrificante ma illustra un ragazzo figo e palestrato. Già. Bella cosa eh?


In conclusione, penso che questo libro meriti sette stelle su dieci.

Ora per rendere ancora più brutta questa recensione vorrei invitarvi a guardare due film per farvi un po' di risate.
Mordimi e Succhiami, le due parodie della saga di Twilight. Fidatevi, fanno morire entrambe dal ridere.
E con questo vi lascio, la recensione è finita. Spero di avervi divertito e di non avervi annoiato. E voi? Avete letto New Moon? Cosa ne pensate?
Ci sentiamo presto, 
Sara